Lascia un contributo per evitare la chiusura del Dock61

Leggi perché rischiamo di chiudere e se ti va aiutaci. Basta una donazione, anche piccola, via Paypal
oppure puoi lasciare un contributo nella cassetta resistente sul bancone del Dock, o fare un bonifico all'IBAN:
IT 51N 06270 13100 CC 0000139378

L’ARVISÈRIA. Il libro e il reading.

In occasione dell'8 marzo, un libro, un reading e una proiezione fotografica per raccontare la Resistenza.

Dialogo tra Pierluigi Tedeschi, autore del libro, 
e Claudio Fabbri, presidente dell'ANPI di Alfonsine.

Reading delle lettere di Serena Pergetti a cura di Cinzia Pietribiasi e proiezione del progetto fotografico di Erica Spadaccini.


Il libro “L’Alvisèria. Atlante delle lettere dal carcere di Serena Pergetti” Edizioni ABao Aqu (2015) è un tentativo nuovo e originale di attraversare la narrazione delle vicende della Resistenza. Lettere di una giovane donna incarcerata nel famigerato carcere dei Servi di Reggio Emilia che diventano un atlante geografico: esplorazione del territorio dei segni grafici come un viaggio fotografico “ghirriano” nella biografia di ognuno di noi. Un libro che cattura lo sguardo, prima ancora d’immergersi nei testi lievi e ironici di una ventenne di settantenni fa.

Serena Pergetti ha ventuno anni quando viene prelevata dalla sua casa e portata al carcere dei Servi di Reggio Emilia. La sua prima lettera ai famigliari che reca una data è del 15 marzo 1944. Serena condivide una stanza nuda con altre donne. E scrive. Viene trasferita al carcere di San Tomaso. E scrive. Ci ha lasciato uno spaccato di storia in forma di lettere, fino al giugno di quell’anno, quando esce di prigione ed entra nella Resistenza. Qualcuno tanto tempo fa ha scritto che il nuovo lo istituiscono i poeti. Anche lui si trovava prigioniero in una torre. Oggi invece un altro poeta, con spirito libero e desiderio d’avventura, ha raccolto in uno spago le lettere di Serena, questo attraversamento intimo dei fatti della Storia. Pierluigi Tedeschi, performer, artista poliedrico, cantore civile dell’umano stare al mondo, abitandone anche i vuoti, di queste lettere ha fatto veramente qualcosa di nuovo. Così oggi tra le mani avete un libro di poesia e di lettere scritte a mano. Un libro di libertà dalla prigionia e un Atlante delle emozioni. Ha anche un titolo che sembra scritto nella lingua di un altro tempo. Forse di un altro mondo. Dentro vi abitano parole che si muovono sulla carta e servono all’umanità. Non al potere. È un piccolo libro. Si tiene in una sola mano. Si può mettere in tasca. Ma come Atlante sulle spalle regge il cielo.

Questo libro esiste grazie al contributo di:
Comune di Cadelbosco Sopra, ANPI Cadelbosco Sopra, SPI-CGIL (RE), Mandamento ANPI Val Leogra (VI), TMT.
Tavolo per il 70° della Liberazione: ANPI di Reggio Emilia, Istituto “Alcide Cervi”, Istoreco, Provincia di Reggio Emilia.
Qui il Pdf del Programma Assessorato alle Politiche e Cultura di Genere Pubblica Istruzione del Comune di Ravenna per l'8 marzo.