Lascia un contributo per evitare la chiusura del Dock61

Leggi perché rischiamo di chiudere e se ti va aiutaci. Basta una donazione, anche piccola, via Paypal
oppure puoi lasciare un contributo nella cassetta resistente sul bancone del Dock, o fare un bonifico all'IBAN:
IT 51N 06270 13100 CC 0000139378

Giuseppe Civati presenta il suo primo romanzo al Dock61!

Lunedì 22 luglio alle 19.30 apertura straordinaria del DOCK 61!

Giuseppe Civati fa tappa a Ravenna con l'#AntiOrarioTour per presentare "Fine" , il suo primo romanzo scritto a quattro mani con Marco Tiberi e pubblicato dalla casa editrice People.
Dialogano con l'autore Ilaria Bonaccorsi (Fandango Libri) e Chiara Bertogalli.

#AntiOrarioTour è un viaggio elettrico per le strade d'Italia che vedrà Giuseppe Civati alla guida di un van elettrico griffato People: "diventerà una biblioteca viaggiante con i nostri libri e quelli degli altri, parlerò di clima, di ritardi, di conversione ecologica come unica possibile politica industriale e non solo.
Il People Van andrà lentamente, attraverserà paesaggi indimenticabili, raccoglierà storie che non avete mai nemmeno immaginato e soprattutto andrà ricaricato ogni cento chilometri circa.
Sarà un viaggio elettrico, pieno di cose, di storie e di persone. Come People vuole essere. Si chiama così per quello. E i suoi libri, guarda un po’, vi vengono incontro." (dal blog di Civati)

Il Libro (in uscita il 18 luglio)

Fine è il diario di viaggio di una donna in fuga. Un diario minimo, un viaggio senza possibilità di ritorno. Nel 2048 il passato non conta e il futuro non c’è più, non resta altro che cercare di difendersi dal mondo che impazzisce.

Sara vede il mare, la nave che la ospita e se stessa nello stesso tempo, nel momento in cui è diventato inutile anche ammettere i propri errori. Porta con sé un’altra vita che rischia di nascere troppo tardi. Scrive e si domanda come sia stato possibile non accorgersi prima di quello che sarebbe successo.

Con il loro romanzo, Giuseppe Civati e Marco Tiberi ci invitano a leggere oggi quello che qualcuno potrebbe raccontare tra trent’anni, mentre siamo ancora in tempo per fare in modo che "Fine" rimanga soltanto un libro di fantascienza.