Lascia un contributo per evitare la chiusura del Dock61

Leggi perché rischiamo di chiudere e se ti va aiutaci. Basta una donazione, anche piccola, via Paypal
oppure puoi lasciare un contributo nella cassetta resistente sul bancone del Dock, o fare un bonifico all'IBAN:
IT 51N 06270 13100 CC 0000139378

Sosteniamo Mediterranea con Don Mattia!

Venerdì 14 giugno ore 18.30 Aperitivo e raccolta fondi per Mediterranea Saving Humans
Ore 19.30 Incontro con Don Mattia Ferrari, sacerdote di Nonantola imbarcato sulla Mare Jonio.

Mattia Ferrari, 25 anni, è il giovanissimo sacerdote di Nonantola (Modena) che ha deciso di imbarcarsi sulla nave da soccorso Mare Jonio, attiva nell’ambito della piattaforma Mediterranea. Un gesto che non poteva non catturare l’attenzione dei media e probabilmente anche qualche mal di pancia in quella destra che si definisce cattolica ma non ama il papa. Basti pensare che lo stesso arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice, nella messa del 2 maggio ha ricordato don Mattia, «il giovane prete e animatore» che, seguendo la parola di Gesù, si sta facendo «pescatore di uomini».

La collaborazione del sacerdote con i militanti dell’associazione Ya Basta è iniziata qualche anno fa a Bologna nel contesto di un’inedita sinergia con la diocesi di mons. Zuppi. E proprio don Mattia, all’epoca ancora seminarista, è stato decisivo nell’organizzare l’incontro che si è svolto un anno fa al centro sociale Tpo di Bologna con il vescovo e Luciana Castellina, chiamati a discutere, insieme ai militanti del posto, del libro «Terra, casa, lavoro», contenente i discorsi di papa Francesco ai movimenti popolari e diffuso da il manifesto