Lascia un contributo per evitare la chiusura del Dock61

Leggi perché rischiamo di chiudere e se ti va aiutaci. Basta una donazione, anche piccola, via Paypal
oppure puoi lasciare un contributo nella cassetta resistente sul bancone del Dock, o fare un bonifico all'IBAN:
IT 51N 06270 13100 CC 0000139378

Davide Pagnini live - presentazione di "Rivoluzione Artistica"

in collabotazione con PMS Studio


Con questa serata inauguriamo una serie di concerti degli artisti della PMS Studio c/o Dock61

Davide Pagnini, nato a Pesaro nel 1988, si avvicina alla musica attraverso lo studio della chitarra classica e del pianoforte all’interno del Conservatorio Rossini.
A 14 anni inizia a comporre le sue prime canzoni e viene notato da Francesco Gazzè, fratello e autore di Max. Inizia una lunga e intensa collaborazione con lui che lo porta a sviluppare il suo talento compositivo sul genere pop d’autore italiano. La costante e fondamentale supervisione di Francesco durante tutti questi anni fa nascere una grande amicizia e intesa artistica che ancora oggi è un punto fermo per Davide. Nel 2008 firma un contratto editoriale con Linea Due edizioni (editore anche di Max Gazzè) e gira l’Italia con il duo Ebanoh (eseguendo suoi brani) per concerti e concorsi. Con questa formazione conta 100 concerti e 4 concorsi vinti (Fanote, Geometrie Sonore, Fuori le Idee, Festival Giovani per la Musica).
Di recente è stato innovativo il Salotto Tour, durante il quale Davide suona nelle case delle persone che lo vogliono invitare per un concerto privato.
"La musica è il mio motore di vita. Scrivere canzoni, dare forma a nuove sonorità, cercare le parole giuste, crescere insieme a loro e prepararle ad affrontare un pubblico.
La musica è un bisogno, un richiamo naturale e incontrollato. Come si ha la necessità di mangiare, di bere e dormire, come quando si prova un'emozione potentissima che ci fa tremare. Ogni
giorno vissuto mi insegna qualcosa che si trasforma in energia da trascrivere in musica e parole. Questo è il motivo principale per cui sono cantautore: per esprimere me stesso e ciò che ho
dentro, per condividerlo con chi mi ascolta e far vibrare l'anima delle persone. Se la musica non emoziona, significa che qualcosa non va. La musica deve unire i cuori e i battiti, creare un vortice di sensazioni e formare un ricordo indelebile in chi ascolta. Questo è il mio "fare musica": emozionarmi per emozionare."